Biancoscudati: San Luca - Messina 1-1

Vai al contenuto

Connettiti
Nuovo utente? Registrati ora! Aiuto

Classifica serie D - Girone I

 

San Luca - Messina 1-1 -----

16 mag 2021 17:12 | Kronos  in Squadra

Un tempo di sofferenza a San Luca, poi Bollino avvicina l'Acr Messina alla Serie C
Calabresi in vantaggio con il colpo di testa di Greco. Peloritani in grande difficoltà, trasformati però nella ripresa e che agguanta o l'1-1 con la punizione del numero 10

C’è Lavrendi nell’undici titolare dell’Acr Messina che affronta la difficile trasferta di San Luca. Il centrocampista di Cinquefrondi completa una linea mediana tutta over insieme ad Aliperta e Cristiani, con Cretella (2002) avanzato nel tridente offensivo con Bollino e Foggia. Davanti a Caruso (’99), conferma per i terzini Mazzone (2001) e Izzo (2002), mentre in mezzo con il rientrante Lomasto agisce Boskovic. Sabatino, infortunato, va in tribuna, mentre si accomodano in panchina, tra gli altri, Cascione, Giofrè, Vacca e Cunzi.

La cronaca
Primo tempo: Partita che inizia con qualche minuto di ritardo per un problema alle reti delle due porte del Corrado Alvaro. Acr Messina in completo rosso con inserti gialli, San Luca in maglia nera, pantaloncini e calzettoni bianchi. Dopo un minuto e mezzo il primo tentativo verso la porta è di Bollino che stoppa al limite, ma poi svirgola la conclusione mancina. Un quarto d'ora di predominio territoriale dei calabresi, tanti errori di misura dell'Acr Messina, ma nulla da rilevare sul piano delle occasioni da rete. Al 17' c'è una splendida iniziativa personale di Bollino che cede al limite a Foggia, il cui ultimo tocco per Lavrendi è però impreciso e l'azione sfuma. Due minuti dopo ci prova Pelle dalla distanza, palla sul fondo, ma con l'arbitro che rileva una deviazione in corner. Sul seguente tiro dalla bandierina, i calabresi passano in vantaggio con il colpo di testa di Greco che stacca al centro dell'area e fredda Caruso. Acr Messina che accusa il colpo e, due minuto dopo, Leveque approfitta di un controllo errato di Mazzone, calcia dal limite e Caruso devia con la punta delle dita sul palo. Raccoglie la sfera Bruzzaniti, il cui mancino a giro si perde di poco a lato. Sono in difficoltà Aliperta e compagni sul pressing a tutto campo dell'indiavolata formazione calabrese, spinta dalle urla della tribuna dell'Alvaro e dei tifosi presenti sulla collinetta che sovrasta lo stadio. Poco prima della mezz'ora ancora Bollino prova un'incursione personale, ma in area è fermato da Pezzati che nel contrasto tocca prima il pallone. Tutto regolare per il signor Luongo. Come regolare è la chiusura di Lomasto su Leveque che aveva saltato Mazzone ed era pronto a calciare a tu per tu con Caruso. A seguire, tentativi in acrobazia di Romero prima (palla sul fondo) e Bollino dopo (para facile Scuffia). Al terzo minuto di recupero, l'ultimo sussulto del primo tempo lo regala Leveque che si guadagna una punizione al limite (ammonito Lomasto), ma la cui battuta si perde abbondantemente alta. Calabresi che chiudono in vantaggio un primo tempo poco spettacolare, dominato dall'agonismo: un clima nel quale l'Acr Messina ha fatto fatica a dire la propria.

Secondo tempo: Si riparte con Giofrè per Izzo e il terzino sinistro titolare di questa stagione ritrova il campo dopo cinque giornate di assenza. E ripresa che si apre con un passaggio impreciso di Bollino, palla che si perde sul fondo, e un tiro ciabattato di Lavrendi. Buono l'impatto sulla gara di Giofrè che al 53' si guadagna una punizione sulla trequarti. Aliperta, alla battuta, pesca Foggia che insacca di testa, ma l'arbitro annulla su segnalazione dell'assistente Almanza che rileva la posizione di fuorigioco del 9 peloritano. Crescono i biancoscudati che adesso attaccano senza sosta: Scuffia non trattiene su Aliperta, si avventa sul pallone Foggia chiuso in spaccata da Pezzati. Poi ci prova Bollino, mancino allungato in corner da Pezzati, forse con un braccio. Dal corner seguente, cross di Mazzone, testa di Lomasto e super intervento di Scuffia che alza in corner. Al 59' Novelli rinforza l'attacco con Cunzi per Lavrendi. Si gioca solo nella metà campo del San Luca: Aliperta pennella sul secondo palo per Lomasto, che colpisce di testa con precisione ed è fermato solo dal palo. Aumentano anche le proteste dei messinesi: prima per un contatto su Cunzi (fa bene l'arbitro a far giocare), poi per un fallo di Fiumara su Giofrè al limite. Per l'arbitro il contatto avviene fuori area, ma il terzino ospite sembrava già dentro l'area. Sulla punizione che ne segue Bollino calcia di mezzo esterno e supera Scuffia. Gran gol del 10 ospite, il settimo del suo campionato e Acr Messina che pareggia. San Luca che, incassato il pari, ha operato un paio di sostituzioni che hanno dato nuova linfa alla manovra di Cozza. Protestano gli ospiti per un contatto in area su Nagore che, poi, prova a giocare il pallone da terra e l'arbitro fischia in fallo in attacco. Novelli risponde all'81' con Crisci per Cretella. E quattro minuti dopo Vacca prende il posto di Aliperta, ammonito un istante prima dopo un battibecco con Lorefice. Rischia l'Acr Messina. All'88' tocco impreciso di Caruso per Lavrendi, Carbone gli soffia la sfera e l'ex Castrovillari lo atterra. Ovvio il cartellino rosso mostrato dal signor Luongo. Vengono concessi cinque minuti di recupero. Si difende strenuamente adesso l'Acr Messina, con Cozza che ha rinforzato l'attacco con Franco Carella. Proprio l'ultimo entrato al 95' stacca sul cross di Leveque, ma manda fuori con Caruso che sembrava sulla traiettoria. Finisce così 1-1, altro piccolo passo verso la Serie C per l'Acr Messina che mantiene quattro punti di vantaggio sul Football Club, agganciato al secondo posto a - 4 dalla vetta dalla Gelbison, vittoriosa sul Rotonda

San Luca-Acr Messina 1-1
Marcatori: 20' pt Greco, 27' st Bollino

San Luca: Scuffia; Fiumara, Greco, Pezzati, Murdaca; Spinaci (46' st Carella), Carbona; Bruzzaniti (45' pt Lorefice), Leveque, Pelle (32' st Marchionna); Romero (30' st Nagore). Allenatore: Francesco Cozza. A disposizione: Callejo, Pitto, Mammoliti, Nallo, Arcuri.

Acr Messina: Caruso; Mazzone, Lomasto, Boskovic, Izzo (1' st Giofrè); Cristiani (14' st Cunzi), Aliperta (40' st Vacca), Lavrendi; Bollino, Foggia, Cretella (36' st Crisci). Allenatore: Raffaele Novelli. A disposizione: Lai, Cascione, Bellopede, Manfrellotti, Oggiano.

Arbitro: Fabio Rosario Luongo di Napoli
Assistenti: Fabrizio Almanza di Latina e Marco Giudice di Frosinone

Ammoniti: Pezzati (SL), Lomasto (M), Fiumara (SL), Marchionna (SL), Aliperta (M), Lorefice (SL)
Espulsi: 43' st Lavrendi

Corner: 4-2
Recupero: 3'

Messinanelpallone

0 Commenti

Pagina 1 di 1

Nessun commento è ancora stato fatto

Pagina 1 di 1